coaching

PERCHE' la SOLITUDINE e' importante- WHY ALONENESS is important

Di nuovo in viaggio per fare ciò che amo: insegnare yoga e mindfulness e per portare benessere e RINASCITA nelle vite altrui con il mio metodo del The RISE Club che appunto vuol dire Rinascere ( se vuoi conoscere vai nell’articolo precedente del blog e scarica le 4 mini pratiche gratuitamente di yoga, meditazione, coaching e fitness-i quattro pilastri del Rise Club)

Dopo aver insegnato dei bellissimi seminari a Milano, ho raccolto una messaggio da una coppetta con delle frasi d’ispirazione, che diceva: “TIME TO BE ALONE” .

Immediatamente, ho sorriso! Un’altro segno che giustamente per dare devo prendermi cura di me stessa, se voglio continuare a dare: semplice da dire e ovviamente mi ricavo del tempo per me tutti i giorni, ma e’ veramente in solitudine?

In questo video di Coaching- uno dei pilasti del Rise Club necessario per portare in pratica davvero gli insegnamenti yoga nella nostra vita- perche’ e’ importante la solitudine e come affrontarla…

Ci vediamo sulla Diretta del The Rise Club ogni Mercoledì alle 21.00

Love!

3 semplici PRATICHE per ACCETTARE il proprio CORPO//3 PRACTICES to accept YOUR BODY

NON SI PUO’ GUARIRE UN CORPO CHE SI ODIA

Affrontiamo oggi un tema che tocca diversi aspetti umani: il PIACERSI e l’ACCETTAZIONE. Questi sono argomenti fondamentali dello yoga.

Voglio che tu sia onesto con te stesso: quante volte ti sei guardato allo specchio con amore?

Quante volte hai visto te stesso per quello che sei davvero? Quando sei felice o quando sei giu’ di morale, come giudichi il tuo corpo?

Mi sono fatta queste domande tante volte ed di sicuro la connessione corpo, mente e spirito e’ una degli elementi fondamentali per vivere una vita serena.

Nella mia ricerca e studio della pratica yoga, ho imparato ad osservare come il mondo esterno e’ interconnesso con il nostro mondo interno e come tutte le azioni che facciamo durante il giorno ci danno o ci tolgono energia.

Molte persone si accorgono del proprio corpo solo quando c’e’ qualcosa che non va, lamentandosi, invece di creare uno spazio sicuro per la guarigione di se stessi. Questo tipo di atteggiamento preclude qualsiasi tipo di guarigione.

NON SI PUO’ CURARE UN CORPO CHE SI ODIA,  perche’ se tutto nasce dall’intenzione allora concordiamo con il fatto che il disprezzo del proprio corpo, la continua autocritica che parte da uno sguardo allo specchio di troppo e  il giudicarsi inadeguati, non fanno altro che AUMENTARE il disagio e di sicuro non portano una situazione piacevole e di guarigione della nostra sfera psicofisica ed emotiva.


Oggi ti voglio dare 3 PRATICHE che possono aiutarti ad accettare il tuo CORPO:

1- SVILUPPA L’ ABILITA’ DI SENTIRE IL TUO CORPO: letteralmente tocca il tuo corpo.Il tuo viso, la tua pancia, le tue gambe... Datti un auto massaggio e ritorna nel tuo corpo. Questa e’ una pratica che insegno nelle mie classi per risorgere nel proprio corpo. Nota: all’inizio ti potra’ sembrare strano. Cerca di toccare le parti del tuo corpo che non ti piacciono con piu’ lentezza e amore. Per un massaggio ti suggerisco gli oli essenziali di Lavanda e Aroma touch di doterra che puoi comprare con questo link    https://www.doterra.com/US/en/site/lindagastaldello

2- PARLATI CON AMORE: nota i tuoi pensieri e le voci all’interno della tua testa. Chi sono? Come si rivolgono al tuo corpo? Cosa dicono? Rivolgiti al tuo corpo con amore: parla ad alta voce a te stessa per esempio: pancia ti voglio bene, capisco che quando mangio ti gonfi ma poi grazie alla digestione ritorni come prima, grazie per gli organi che prendono le sostanze dal cibo e lo tramutano in energi. Ti voglio bene pancia, scusami se a volte ti ho trascurata o criticata. Ora sono piu’ paziente con te...

3- NON COMPARARTI, AGISCI:  viviamo nell’era del social media e i nostri canali di percezione sono piu’ che mai sfasati da filtri sui social media, photoshop e l’ansia da prestazione. Quanto tempo spendi al giorno a compararti con altri? E’ irreale: non sappiamo il tempo e l’evoluzione della persona a cui ci compariamo.  Facciamo un’azione CONCRETA che ci porti alla nostra realizzazione e accettazione.

Spero che queste semplici pratiche di accettazione ti aiutino a considerati come se tu fossi la tua migliore amica.

Fammi sapere se ti aiutano, lascia un commento per condividere i tuoi pensieri e iscriviti alla mia Newsletter, non te ne pentirai!


YOU CAN’T HEAL IF YOU HATE YOUR BODY

Today we face a theme that touches on a main human challange: Self ACCEPTANCE, a fundamental topic for self love.

Be honest: how many times have you looked at yourself in the mirror with love?How many times have you seen yourself for what you really are? When you're happy or when you're feeling down, how do you judge your body?

I have asked myself those questions many times and for sure the connection body, mind and spirit is one of the fundamental elements for living a content life.

As a yoga students a practitioner, I learned to observe how the external world is interconnected with our internal world and how all the actions we do during the day give us or take away our energy.

Many people notice their body only when something is wrong with it,  complaining, instead of creating a safe space for self healing. This type of attitude precludes any kind of real healing.


YOU CAN NOT HEAL A BODY THAT YOU HATE, because if everything comes from the intention we can agree with the fact that the continuous self-criticism that starts from looking in the mirror a bit too long, the inadequate judgment, does nothing but INCREASE the discomfort and certainly does not bring a pleasant state for into our psychophysical and emotional sphere.


I want to give you  3 SIMPLE PRACTICES that can help you discover and accept your body, so you can start the real healing.

1- DEVELOP THE ABILITY TO FEEL YOUR BODY: literally touch your body. Your face, your tummy, your legs ... Give yourself a massage and go back into your body. This is a practice that I teach in my classes to RISE in one's body. Note: at first it may seem strange to you. Try to touch the parts of your body that you do not like with slowness and love. I also suggest you use the essential oils of Lavender and Aroma touch of doterra that you can buy through this link https://www.doterra.com/US/en/site/lindagastaldello.

2- SPEAKING WITH LOVE: note your thoughts and voices inside your head. Who are they? How do they appeal to your body? What they say? Talk nicely to your body: speak aloud to yourself for example: belly I love you, I understand that when I eat you get swollen but then thanks to the digestion you come back as before, thanks to the organs that take substances from food and they turn it into energy. I love you belly, I'm sorry if sometimes I neglected or criticized you. Now I'm more patient with you ...

3- DO NOT COMPARE, ACT: we live in the social media age and our channels are more than ever displaced by filters on social media, photoshop and  that creates performance anxiety. How much time do you spend a day comparing with others? It is unreal: we do not know the time and the evolution of the person we are comparing ourselves to. Instead let’s make a CONCRETE action, that  can lead us to our realization and acceptance of the body.


I hope those simple acceptance practices will help you to consider yourself as if you were your best friend.



Let me know if they help you further and  leave a comment to share your thoughts and subscribe to my Newsletter, you will not regret it!




 

La Mindfulness anche alla guida

Ma chi l’ha detto che ci serve un cuscino e una stanza silenziosa per le pratiche di meditazione e mindfulness?
Una delle componenti principali della mindfulness e’ il rimanere concentrati sull’ esperienza del momento presente ed e’ possibile (e necessario) riuscire a farlo in tutte le situazioni, specialmente quelle piu’ frustranti, per esempio alla guida della macchina nel traffico di Manhattan!


Infatti sono le situazioni in cui ci sentiamo piu’ frustrati che richiedono da parte nostra l’attenzione nel momento presente per capire che abbiamo ancora una possibilita’ di scelta e con questa consapevolezza di spazio interiore.
Vedi, essere frustrati da una situazione come guidare la macchina ed essere bloccati nel traffico, con i bimbi da andare a prendere a scuola, una lezione di yoga da insegnare e i minuti contati e’ totalmente normale. Sono umana dopotutto, no?


Certo che si ma ho due modi di reagire: posso farlo in modo negativo e aggressivo scegliendo di sfogare la mia frustrazione su me stessa e gli altri (mmmm non un comportamento da yogi) oppure scegliere di vedere la situazione da un altro punto di vista: sono stata io a creare queste condizioni per me stessa e non posso controllare gli imprevisti del traffico pomeridiano di Manhattan, quindi che fare in QUESTO MOMENTO?
La mia regola numero uno e’ di RESPIRARE LENTAMENTE…. SLOW DOWN.

La rabbia e la frustrazione sono emozioni con gli steroidi. Fai un minuto di respirazione lenta in cui ti concentri sul ritmo del respiro contando quattro tempi nell’inspirazione e 4 tempi nell’espirazione. Nota come si crea immediatamente uno spazio tra te e la situazione. Continua questa tecnica di respiro finche non ti senti piu trascianata dall’emozione.
La seconda regola e’ far tacere immediatamente quella voce negativa all’interno della tua testa che inizia ad parlare a raffica e a farci sentire in colpa. Chi e’ quella voce, a chi si rivolge, a chi appartiene? Sei tu o e’ qualcun’ altro? Chiunque sia INTERROMPI questa conversazione che non porta da nessuna parte e ti fa solo abbassare la vibrazione: cambia musica!
Prepara una playlist intelligente di MANTRA che possono aiutarti a cambiare il mood! I mantra sono delle parole in sanskrito o in un’atra lingua con una carica positiva. La mente si concentra nella ripetizione di queste parole, possono essere multiple, e nella vibrazione che trasportano.


Canta o ripeti preferibilmente ad alta voce il tuo mantra preferito e nota come la tua vibrazione inizia a cambiare – in positivo, se la voce ritorna, alza il volume del mantra!
Il terzo consiglio che vi posso dare e’ di usare degli oli essenziali che immediatamente agiscono sulle vostre emozioni e supportano il rilascio di ormoni che promuovono il rilassamento. Ora potete anche trovare dei diffusori di oli da macchina, ma che una boccetta Roll-on puo’ essere applicata sul collo o sui polsi proprio come se fosse un profumo. Fatemi sapere se vi serve supporto sugli oli mi piacerebbe aiutarvi!


Sicuramente ci saranno altre situazioni in cui rimarro’ nel traffico della City o bloccata, ma ora che pratico meditazione constantemente posso utilizzare questi semplici metodi per aumentare la mia vibrazione positiva e rimanere concentrata nel momento.

 
Privacy Policy